Fine del mondo – Wikiquote

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Morte del Sole, della Luna, e caduta delle stelle (Cristoforo de Predis, XV sec.)

Citazioni sulla fine del mondo.

  • Abbiamo perso il futuro [e quindi il mondo è già finito]. Gli scenari della “fine del mondo” cambiano, ma la perdita del futuro è dentro di noi e noi ne siamo i portatori, anche se non condividiamo le ragioni di chi immagina un avvenire di catastrofi e magari non le conosciamo nemmeno. Viviamo in un mondo che fa sempre più fatica a guardare oltre il proprio presente: perfino in quelle attività umane, come la letteratura e le arti, di cui in passato si pensava che dovessero tendere al sublime, cioè a qualcosa di eterno. (Sebastiano Vassalli)
  • Bisogna pensare in maniera paradossale. Non è che noi stiamo andando verso la fine del mondo, la fine del mondo è già avvenuta. Resti con noi. (Eugenio Barba)
  • Come tutti i grandi avvenimenti di quaggiù, la «fine del mondo» arriverà per opera di un «ottuso», di un folle… mediocre. (Emil Cioran)
  • Così finisce il mondo | Non in un baccano ma in un piagnisteo. (Thomas Stearns Eliot)
  • Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. (Gesù, Vangelo secondo Matteo)
  • È arrivata la fine del mondo e sta andando tutto a rotoli. A meno che non vi piaccia leggere romanzi meravigliosi e pagarli poco. Se è così, allora potreste anche pensare che il mondo sta benone. (Nick Hornby)
  • Finirà quando dal seno della madre invece del latte uscirà il sangue. (Rosalinda Celentano)
  • Il lupo ingoierà il sole e ciò apparirà agli uomini una grande sventura. Poi l’altro lupo carpirà la luna e pure recherà gran rovina. Le stelle cadranno dal cielo. Avverrà poi che la terra intera tremerà e i monti, tanto che gli alberi si sradicheranno dalla terra e i monti rovineranno e tutti i vincoli e le catene si spezzeranno e si infrangeranno. Allora il lupo Fenrir sarà libero. (Snorri Sturluson)
  • La fine del mondo è giunta spesso, e continua a giungere spesso. Impietosa, implacabile, latrice di tenebra su tenebra, la fine del mondo è una cosa a cui siamo ben adusi, un fatto abituale, che abbiamo ritualizzato. È nostro dovere tentare di scordarcene in sua assenza, di riconciliarci con essa quando non è negabile, e di ricambiare il suo abbraccio quando infine viene a noi come fa sempre. (Jonathan Safran Foer)
  • Ma siccome i mortali, se bene in sul primo tempo di ciascun giorno racquistano alcuna parte di giovanezza, pure invecchiano tutto dì, e finalmente si estinguono; così l’universo, benché nel principio degli anni ringiovanisca, nondimeno continuamente invecchia. Tempo verrà, che esso universo, e la natura medesima, sarà spenta. E nel modo che di grandissimi regni ed imperi umani, e loro maravigliosi moti, che furono famosissimi in altre età, non resta oggi segno né fama alcuna; parimente del mondo intero, e delle infinite vicende e calamità delle cose create, non rimarrà pure un vestigio; ma un silenzio nudo, e una quiete altissima, empieranno lo spazio immenso. Così questo arcano mirabile e spaventoso dell’esistenza universale, innanzi di essere dichiarato né inteso, si dileguerà e perderassi. (Giacomo Leopardi, Operette morali)
  • Nel destino di ogni uomo può esserci una fine del mondo fatta solo per lui. Si chiama disperazione. (Victor Hugo)
  • Nella fede ci è dato di sapere sia del diavolo che della fine del mondo; ambedue sono in stretta correlazione, poiché il diavolo è la causa della fine del mondo: la temporalità avrebbe avuto un altro carattere se il male non vi avesse trovato accesso. Tramite lui il tempo dell’uomo che precede la fine del mondo è un tempo di decisione e, ultimamente, di divisione, un tempo in cui la fede si prova poiché genera la conoscenza e quindi anche la capacità di discernimento, e con la conoscenza delle vie del Signore anche quella delle vie che a lui si oppongono. (Adrienne von Speyr)
  • Quella che il bruco chiama la fine del mondo, il maestro la chiama una farfalla. (Richard Bach)
  • Questa è la fine | La fine del mondo | Per cinquemila anni | Devi sicuramente averlo sentito | Nostradamus, Gesù, Buddah e io | Abbiamo detto che stava per arrivare | Ora aspetta e guarda. (Bob Geldof)
  • Se tutta la dottrina di Gesù fosse stata la fede a una prossima fine del mondo, ora dormirebbe certamente nell’oblio. (Ernest Renan)
  • Si è scritto molto sulla fine del mondo. Centinaia di libri (e non pochi film) danno corpo ad apocalissi a tinte fosche e drammatiche, in cui l’uomo viene spesso dipinto come vittima inerme e innocente di forze ostili a lui superiori. […] cercherò di spiegare come i veri pericoli da cui occorre guardarsi non siano quelli sbandierati da visionari e sedicenti esperti digiuni di scienza, ma quelli che siamo noi stessi a creare. […] Ma è di gran lunga più comodo credere a Nostradamus o ai Maya che prendere atto del clima che cambia o delle risorse che cominciano a scarseggiare. (Mario Tozzi)
  • Uno degli scherzi dell’antropocentrismo: descrivere la fine della specie come implicante la morte della natura vegetale e animale, la fine stessa della Terra. La caduta dei cieli. Non esiste escatologia che non consideri la permanenza dell’uomo come essenziale alla permanenza delle cose. Si ammette che le cose possano cominciare prima, ma non che possano finire dopo di noi. (Guido Morselli)

Stanisław Jerzy Lec[modifica]

  • L’ottimismo e il pessimismo si distinguono soltanto per la data della fine del mondo.
  • Non aspettatevi troppo dalla fine del mondo!
  • Tutti vorrebbero vivere fino alla fine del mondo, e qualcuno anche oltre.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto